Image description

98.000 pazienti ogni anno muoiono per errori medici prevenibili

“To err is human”, Institute of Medicine of the National Academies


Che cos'è ISOB ?


Il tema della Sicurezza in Sanità sta assumendo nel tempo una posizione preminente tra quelli ad alta rilevanza sociale, economica e politica. La fenomenologia avversa nel Servizio Sanitario, causata da errori professionali, disfunzioni organizzative e da minacce inevitabilmente derivanti dalla stretta economica del comparto produce effetti visibili e non più trascurabili in termini di costi e impatto sociale.

A ciò vanno aggiunti gli effetti nefasti delle conseguenze mediatiche, conianti aberrazioni terminologiche del tipo 'malasanitá' o comportamentali come la 'medicina difensiva' che aggiungono risvolti negativi e costi supplementari.
Molto si é fatto in italia e nel mondo, in termini di letteratura specifica e di attività nella sicurezza in sanità attraverso iniziative normative e regolamentari degli organismi comunitari, del Ministero della Salute, delle Regioni e delle varie comunità professionali e scientifiche.
Molto deve essere ancora fatto, in termini di implementazione, allocazione di risorse e consolidamento di obiettivi.

Di certo, l'ambito che più soffre della scarsità di risorse economiche ma anche di una non precisa collocazione nei domini del sapere medico sanitario é quello della formazione ed addestramento ai temi della sicurezza del paziente.
Le medotologie di gestione del rischio, la fenomenologia dell'errore, la prestazione dell'individuo e del team in termini di Fattore Umano e molte altre questioni, necessitano di investimenti nella informazione, formazione e addestramento, considerando che il raggiungimento di elevati standard di sicurezza del paziente é strettamente correlato a dimensioni di tipo culturale.

Gran parte dei successi in termini di sicurezza del paziente é dovuto alla elaborazione di pratiche, protocolli di azione e culture derivanti da ambienti industriali che da tempo hanno conquistato standard di sicurezza elevatissimi, primo fra tutti il comparto del trasporto aereo. I riferimenti più efficaci sono quindi quelli che, per approccio culturale e orientamento strutturale, traggono ispirazione da quel campo, sia pure con le dovute traduzioni ed adattamenti al mondo della Sanità.
Fondamentale é la disseminazione orizzontale di questo sapere, che si suggerisce debba essere regolamentata in maniera stringente ed univoca, proprio come avviene nel Trasporto Aereo.

 

Il progetto ISOB (Inpatient Safety On Board), nasce nel 2009, ed è il risultato della collaborazione tra operatori sanitari di neurochirurgia (Fondazione IRCSS “Carlo Besta”) e un gruppo di esperti nel settore della gestione aerea e sicurezza del volo del Centro Studi di Competenze Aeronautiche “AVIATION LAB” (inclusi alcuni piloti civili e militari, oltre che a un astronauta).

Obiettivo di questo progetto è sia di affrontare “la questione sicurezza”, ovvero prevenzione del rischio, sia al contempo la gestione dello stesso, tramite il cosiddetto “aviation safety approach”. Il nostro programma integra entrambi gli aspetti, e le misure educative per affrontarle, tramite interventi mirati, grazie alla creazione di un percorso sperimentale d’iniziative composto d’istituti formativi e tools operativi con il duplice obiettivo sia di promuovere la semplice “cultura della sicurezza” (Safety Culture), sia quello di “gestione delle risorse dell’equipaggio” (Crew Resource Management, CRM) adattato in ambito sanitario in “gestione delle risorse del team” (Team Resource Management, TRM), col fine di modellare, e successivamente esportare alcuni protocolli di successo nella gestione della Sicurezza Volo direttamente nel campo Medico-Chirurgico con il fine di ottenere risultati analoghi a quelli raggiunti in campo aeronautico.

Uno strumento espressamente modellato per l’analisi della cultura della sicurezza in comunità operanti nel sistema sanitario è il “Cultural Assessment Questionnaire” (CAQ), che consente di valutare all’interno di un sistema esadimensionale i livelli di percezione delle varie culture che afferiscono al tema “Sicurezza del paziente”.

Grande importanza ha il sistema di riporto e analisi della fenomenologia cosiddetta “near miss” come enpowerment della gestione del rischio clinico e dei processi di qualità. In questo senso, l’esperienza aeronautica è di grande ausilio nell’ingegnerizzazione e implementazione di sistemi adattati alla realtà sanitaria.

Il progetto ISOB mira a cogliere obiettivi concreti come:

  • Riduzione del rischio di errori e aumento della sicurezza del paziente
  • Maggiore difesa del sistema dalle conseguenze successive all'errore
  • Miglioramento delle qualità delle prestazioni
  • Aumento dell'efficienza